Uvolt Watch, l’orologio analogico per ricaricare il vostro smartphone

L’orologio Uvolt non è uno smartwatch come tutti gli altri dal momento che non si connette al telefono tramite Bluetooth, non invia notifiche e non monitora i passi dell’utente. Si tratta essenzialmente di un orologio dotato di una batteria removibile per ricaricare i dispositivi in ogni momento.
A differenza di molti device indossabili, sono presenti semplici lancette analogiche con un grande e ingombrante quadrante che ospita la batteria. L’idea di poter avere un caricabatterie all’interno di un orologio è davvero qualcosa di innovativo e molto più comodo rispetto a portarsi in giro un caricatore con cavi penzolanti.
Per quanto riguarda la potenza, Uvolt Watch sarà dotato di una batteria removibile da 600mAh, di una batteria principale integrata nel cinturino e saranno disponibili quattro diverse versioni: Lightning per i dispositivi iPhone o iPad, connettore USB Type-C o microUSB per Android e infine con ricarica wireless per gli smartphone che supportano questa nuova tecnologia. L’utente non avrà la possibilità di ricaricare completamente il dispositivo ma avrà abbastanza carica rimanere per un paio di ore in giro.

Non si fermano qui le potenzialità di questo device. Infatti, l’intero quadrante dell’orologio è in realtà un pannello solare in grado di ricaricare lentamente le batterie dell’alimentatore e, stando alle stime della società, di raggiungere a una carica completa in un’intera giornata di sole. Alternativamente, è possibile ricaricare il dispositivo tramite wireless.
Bisogna però tenere presente che la società Uvolt è alle prime armi in questo settore e si tratta della prima campagna di raccolta fondi su Kickstarter. L’azienda sta vendendo una versione del suo caricabatterie con un cavo Lightning che non sembra avere la benedizione di Apple dal momento che non possiede il certificato della società. Detto questo, è possibile acquistare l’orologio Uvolt per una cifra di 119 $ e l’azienda spera di poter iniziare le spedizioni entro la fine dell’anno o, al più tardi, nel mese di gennaio 2018.

grazie per il tempo dedicato alla lettura di questo articolo

Paolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: