Come Difendersi Dagli SMS Indesiderati E A Pagamento

Capita di controllare il proprio credito telefonico e accorgersi che è inspiegabilmente calato. Com’è possibile? La spiegazione esiste! Nella maggior parte dei casi ci si è abbonati involontariamente a servizi non richiesti. Allora ci si chiede com’è possibile che avvenga ciò. Basta sfiorare accidentalmente su un banner pubblicitario! Oppure chiudere una finestra pop-up mentre si naviga sul web per attivare una sottoscrizione ai servizi più disparati.

I problema, appunto, è che questi servizi sono a pagamento. Quasi sempre il credito che viene scalato è pari ad una somma abbastanza consistente (paragonandolo al credito di una sim card). Inoltre, se vi capita di ricevere SMS a pagamento come oroscopo, chat, servizi vari e così via, il vostro credito sta calando rapidamente. Quindi se non disattiviamo subito il servizio il nostro credito svanirà velocemente.

Bisogna fare molta attenzione alle app o alle pagine web che scarichiamo o visitiamo. Non dobbiamo dare nulla per scontato.

Come difendersi dagli SMS indesiderati e a pagamento

Ovviamente i vari operatori telefonici hanno delle procedure su come disattivare questi servizi. Scopriamoli insieme!

Come disattivare SMS indesiderati e a pagamento

Gli operatori telefonici permetto di bloccare i messaggi provenienti da servizi a pagamento. Per evitare questo tipo di problematiche, basta richiedere al proprio gestore telefonico l’attivazione del barring SMS. La procedura varia a seconda dell’operatore:

  • Tim: dal sito oppure chiamando il 119 e richiedendo all’operatore di mettere il numero in black list.
  • Vodafone: dal numero 190 e chiedendo all’operatore l’attivazione del barring sms, o dal sito web.
  • Wind: contattando il 155 e richiedendo il blocco dei servizi a sovrapprezzo (può essere totale, cioè chiamate a numerazione 899, 166 e SMS, oppure parziale) o visitando questa sezione del sito.
  • H3G: chiamando 133, o nella sezione dedicata del sito.
  • Postemobile: inviando questo modulo scaricabile dal sito via fax o via posta tradizionale, richiedendo il blocco dei servizi a sovrapprezzo.

Per evitare di incorrere in queste problematiche fare sempre molta attenzione quando si naviga sul web e di monitorare frequentemente il proprio credito, per accorgersi in tempo di eventuali addebiti non richiesti.

Grazie per il tempo dedicato alla lettura di questo articolo

Paolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: