Google Individua I Nuovi Malware Su Android Tramite Machine Learning

Il 55% dei malware trovati nello scorso mese sono stati scoperti da una machine learning. Questa è una crescita esponenziale rispetto al solo 5% di sei mesi fa, racconta Adrian Ludwig, un veterano della NSA e ora capo della sicurezza di Android a Google.

Google Play Protect, software di sicurezza per le app automatizzato di Android, è ormai su oltre 2 bilioni di dispositivi sparsi per tutto il mondo. Dopo tre anni di testing, Google ha deciso di integrare a Google Play Protect una machine learning che ha dato vita ad una nuova era nella lotta contro i malware. Da un po di tempo a questa parte, Android si avvale di esperti di machine learning e ricercatori per la sicurezza per rendere il sistema operativo sempre più sicuro. In questo stesso periodo, si è avuta una concreta caduta di malware sulla piattaforma Google.

“Dall’inizio dell’anno, la presenza di malware sui dispositivi Android è passata da 0.65% allo 0.25%” dice A. Ludwig. Questa è circa una riduzione del 60%.

I miglioramenti del Machine Learning

La differenza portata dalle machine learning è quella di non cercare i malware nelle famiglie di quelle conosciute. Il miglioramento è quello di riconoscere sempre più individualmente ciascun malware, riconoscendo chi sono e come agiscono sul sistema. Google Play Protect ora non ha una decine di famiglie di malware con cui confrontarle ma bensì centinaia.

L’uso delle machine learning sta avendo successo anche in altre compagnie di sicurezza informatica. Una delle più importanti è Cylance. Queste aziende sono, da qualche anno, a lavoro per sviluppare AI che “cacciano” malware.

Avverte, però, il capo della sicurezza di Android che le machine learning utilizzate in questo momento, sono soltanto un altro strumento, e non una bacchetta magica, per migliorare la sicurezza del sistema operativo. Seppur vero che ci saranno molti meno malware in circolazione, non si riuscirà a risolvere i fondamentali problemi di sicurezza del sistema Android. Da considerare anche che la maggior parte dei dispositivi utilizza vecchie versione di Android.

Tuttavia, anche se Android è un sistema open-source, la sicurezza sta migliorando sempre più. Al momento, oltre il 99% dei dispositivi sono puliti da eventuali malware. La sfida che occuperà il team di sicurezza di Android è quella di pulire ancor più dispositivi!

Grazie per il tempo dedicato alla lettura di questo articolo

Paolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: